Home / Self Help / Credere in se stessi: perché è importante
Credere in se stessi: perché è importante
Credere in se stessi: perché è importante

Credere in se stessi: perché è importante

Credere in se stessi: perché è importante- Noti che spesso le altre persone non ti considerano? Senti a pelle che quando c’è da realizzare qualcosa si tende a incaricare qualcun altro e a te resta la routine? E’ evidente che le persone hanno poca fiducia in te, nelle tue capacità e questo ti lascia amareggiato e frustrato. Se gli altri non hanno fiducia in te, probabilmente è perché tu sei il primo a non credere in te stesso.

L’autostima è una cosa che non nasce con noi ma si costruisce giorno dopo giorno, fin da bambini affrontando le difficoltà quotidiane e superandole. Una parte dipende anche dal carattere, c’è chi è più testardo e tenace e chi tende ad arrendersi alla prima difficoltà.

Fin dall’infanzia, però, credere in se stessi è una cosa che viene influenzata anche dall’esterno, dai genitori in primis; un genitore iperprotettivo che evita al bambino di fare esperienze che possono anche risultare fallimentari ma sono fatte, frena la crescita dell’autostima.

Peggio ancora se un genitore sbaglia pronunciando frasi del tipo “sei un buono a nulla, non sei capace di far niente”: questo genera nel bambino la convinzione che sia davvero così e la sua autostima finirà sotto ai tacchi.

I bambini hanno bisogno di fare le loro esperienze e anche di sbattere il naso, qualche volta, è questo che li fa crescere. Il compito del genitore è di incentivare il bambino a provare a realizzare le cose, essere lodato se riesce, corretto e aiutato se ha difficoltà ma tendere a realizzare un progetto.

In età adulta i fallimenti minano l’autostima e frenano la realizzazione dei progetti, questo è assolutamente naturale ma se ci si ferma a questo si vivrà una situazione di frustrazione, di inadeguatezza che infine rischia di sfociare anche nella depressione.

Come fare per credere in se stessi?

Non pretendere di fare tutto in una volta, se guardi i problemi e le difficoltà nella loro interezza ti sembrerà tutto più difficile di quello che è:

  • Dividi il tuo progetto in fasi, tappe sulle quali ti concentrerai di volta in volta. Ogni raggiungimento di una tappa ti darà maggiore fiducia in te stesso e ti sarà di sprone a continuare con le tappe successive.
  • Non lasciare che i fallimenti del passato limitino la tua vita: guarda al presente, al Qui e Ora, e non farti bloccare dalla paura del futuro.
  • Nel tendere ai tuoi obiettivi non avere fretta, analizza le difficoltà che ti si parano davanti, elabora ipotesi di soluzioni finalizzate al raggiungimento dell’obiettivo, decidi quale soluzione è quella con maggiori probabilità di successo e mettila in pratica.

Credere in se stessi contagia gli altri e porta automaticamente le persone a credere in te; vuoi un esempio? Ricordi Silvio Berlusconi durante una Campagna elettorale di diversi anni fa? “Sono invincibile” affermava e la gente gli ha dato il voto in massa.

Credere in se stessi è importante, dunque ma attento a non cadere nell’eccesso, la superbia è una brutta cosa, credi in te stesso ma sempre con un tocco di umiltà e considera che anche gli altri hanno delle doti, delle capacità che vanno valutate positivamente.

Approfondisci anche con Come migliorare se stessi?

Ti è stato utile questo articolo? Commentalo e seguici su Facebook.

Nuovo di PerformanceTop? Comincia da qui

Guarda anche

Perché non ho voglia di studiare?

Perché non ho voglia di studiare?

 Perché non ho voglia di studiare?- Il problema di tanti studenti oggi è la scarsa …

Come ritrovare se stessi

Come ritrovare se stessi?

Come ritrovare se stessi- per ritrovare se stessi occorre un presupposto fondamentale: aver perso se …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *